Tag: condivisione

La pandemia non ha azzerato gli spazi di lavoro in condivisione, anzi: nuove tipologie avanzano come alternativa all’headquarter classico e allo smart working

All’inizio del 2020 il co-working era sicuramente una formula in crescita nel mondo dei nuovi spazi per uffici in zone metropolitane, perché univa la possibilità di interazione tra attività complementari e la convenienza economica di un service hub completo a disposizione. Una soluzione che allettava professionisti, startup, studi creativi e dell’IT, aziende di servizi innovative.

Poi è arrivata la pandemia e ci siamo chiesti: ma tutte le iniziative co (co-working, co-housing, co-education) che hanno alla base il concetto di sharing, di attività da fare e da pensare insieme, di prodotti e servizi da condividere, che fine faranno con il distanziamento fisico?  

C’è stato sicuramente un momento difficile di riorganizzazione degli spazi e dei nuovi servizi di sanificazione, tanto più essenziali in un luogo dove alla base è prevista la rotazione delle persone. Eppure, passata la prima ondata della pandemia, si sono create nuove opportunità che non erano ancora state ipotizzate: grandi società di servizi hanno realizzato quali sono sia i costi economici dei grandi headquarters centralizzati sia quelli sociali del pendolarismo di centinaia o migliaia di dipendenti. E dopo un iniziale entusiasmo per i risparmi generati dall’home working, è stato chiaro per tutti che non sempre il lavoro da casa full time è la soluzione migliore. 

Durante lo smart working che abbiamo vissuto in primavera, ci siamo resi conto dei benefici della non-mobilità,  ma ci siamo anche accorti che spesso ci mancavano la socialità fisica del luogo di lavoro e alcune facilities: dalla sedia ergonomica alla sala riunioni, dalla connessione efficiente a una buona concentrazione. Perché ci mancava la separazione tra tempo di lavoro e tempo privato che erano diventati tutt’uno.

Le soluzioni in coworking hanno quindi ora ripreso forza non solo nelle grandi città, ma anche nei grossi centri di provincia che possono fare da aggregatori sia per realtà d’impresa locali sia per aziende internazionali attive in quel territorio. Sono soluzioni che piacciono alle aziende (pago quando serve) e anche ai dipendenti, che usufruiscono dei plus del luogo di lavoro (servizi e contatti) senza avere gli svantaggi di una mobilità quotidiana spesso impegnativa.

È uno scenario ancora in fase di elaborazione, l’ambito delle soluzioni ibride si sta allargando anche a altri settori come quello dell’ospitalità. All’interno di alcune catene di hotel iniziano a trovare posto spazi simili ai coworking che non sono più solo le grandi sale meeting, ma piccoli uffici attrezzati anche per videocall o piccole riunioni e che risolvono le esigenze di una clientela che riprenderà a viaggiare ancora per lavoro. Più efficienti delle hall degli alberghi o delle mediamente scomode postazioni nelle camere d’albergo. 

 

Fonte: http://www.cieloterradesign.com/coworking-pandemia-design/

L’ESTATE STA FINENDO

“L’estate sta finendo, un anno se ne va”
Così cantavano i Righeira nel lontano 1985 lanciando un vero e proprio tormentone.
Anche oggi, come ogni anno giunti in questo periodo, quel brano viene rispolverato e riecheggia nell’aria settembrina lasciando un sapore agrodolce.
“In spiaggia di ombrelloni non ce ne sono più”
E così, mentre Johnson canta questa frase, i bagnini della riviera iniziano a pulire e sistemare gli stabilimenti balneari mentre i clienti tornano alla vita di tutti i giorni.
E’ “il solito rituale” di una stagione che ci dona momenti di puro relax ma che poi, in queste settimane, ci saluta lasciandoci da soli con i nostri bei ricordi.
La canzone inizia con un accordo in maggiore, di conseguenza allegro ma, vuoi il testo, vuoi quel sax dal sapore retrò, dietro a quei 3 minuti e mezzo c’è un mondo di sorrisi malinconici.
Ma arrivare a settembre è davvero un dramma?
L’estate ha un sapore speciale proprio perché è breve ed intensa ma la vita quotidiana non è da meno.
Pensiamoci bene: oltre al sole e al mare, cosa rende questa stagione unica? A mio avviso, la compagnia e la condivisione dei bei momenti.
Un’estate in “solitaria” sarebbe un’estate vuota.
Noi, nel nostro coworking, abbiamo il vantaggio di essere circondati da diverse persone e da poter interagire e condividere con loro tantissime esperienze ed opinioni, che sia inverno, autunno, primavera o estate.
Incontrare molta gente e creare legami può essere decisamente un rimedio alla malinconia vacanziera.
I Righeira scrissero quel pezzo pensando ad un adolescente alle prese con il rientro a casa dopo un amore estivo.
In realtà tutti, grandi e piccini, si possono immedesimare nella frase “una fotografia, è tutto quel che ho, ma stanne pur sicura, io non ti scorderò”.
Non ci si scorda dei bei momenti insieme, si appendono le foto al muro e si ricomincia, con un sorriso che viene fuori quando le fissiamo, mentre il giro di sax ci accompagna verso la fine del brano… e dell’estate.

/p>