Tag: coworking

“Come ti va? Bene perché oggi è primavera”

Questa frase emerge dall’album “Terra, Luna e Margarita” datato 2007 e firmato dalla band reggiana “I Rio”.
I Rio vengono dalla parte più a Nord della nostra regione, l’Emilia, zona che ha tante similitudini ma altrettante differenze con la Romagna.
Chi non vive in Emilia-Romagna non coglie neanche i confini geografici di queste due terre, figuriamoci quelli culturali e dialettali.
Oggi però non mi soffermerò sulle contrapposizioni tra le due ma piuttosto su un elemento comune: il risveglio estivo.

Siamo ormai in Aprile, il caldo (fatta eccezione per qualche giornata uggiosa) si fa sentire con sempre più insistenza, i locali riaprono a pieni battenti, qualche hotel si appresta a pulire i propri spazi mentre effettua colloqui di lavoro per formare lo Staff estivo, altri aprono le porte ai turisti giunti per le vacanze pasquali, i bagnini sistemano le passerelle e le assicurazioni dei motorini vengono riattivate per poter lasciare le macchine nel garage di casa.

E’ il preludio estivo, la più importante delle 4 stagioni per l’Emilia-Romagna, o meglio, come si dice qui in zona, è semplicemente LA stagione.
Ogni anno è una routine che si riattiva ma è sempre come se fosse una ventata di freschezza dopo il lungo inverno che, a differenza di una famosa serie TV, non sta arrivando ma ci sta, finalmente, salutando.
Milioni di turisti fanno visita a Rimini, Riccione, Cattolica ma anche a città come Bologna, Parma e Modena, attratti evidentemente dall’ospitalità e dall’efficienza di questo meccanismo primaverile/estivo.
Nel 2018 il dato di affluenza ha raggiunto un record mai visto prima: 60 milioni di turisti solamente in Emilia-Romagna.

Ma se per un visitatore l’estate è sinonimo di relax, cosa vuol dire per un emiliano o un romagnolo?
E’ un mix di sentimenti e responsabilità. Per tradizione si è abituati a rimboccarsi le maniche e darsi da fare da Maggio a Settembre, ancor di più rispetto agli standard.
Una condizione che non tutti accetterebbero, d’altronde prendiamo come esempio Agosto.. è il mese di vacanza per eccellenza! Ma per far sì che lo sia a tutti gli effetti qualcuno dovrà pur lavorare e per chi vive in Emilia-Romagna non è un problema, l’ospitalità da queste parti è nel DNA.

Con SpazioTu stiamo cercando di creare un ambiente lavorativo dove il calore e l’accoglienza estiva vengano estese durante tutti i 12 mesi dell’anno. Il coworking (come già analizzato in questo articolo: https://www.spaziotu.com/cattolicaelegrandicitta/ ) è un ottimo format per l’Emilia-Romagna in quanto l’indole loquace è presente in tutti i residenti e perciò la possibilità di far nascere collaborazioni all’interno del nostro spazio è concreta e facilmente attuabile.

Durante la stagione estiva SpazioTu sarà aperta come sempre, 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.
Saranno direttamente i nostri coworkers a scegliere quanto tempo trascorrere in riva al mare e quanto in nostra compagnia.

IL NOSTRO LOGO

La scorsa settimana abbiamo fatto un’analisi sull’importanza del logo (la potete trovare qui: https://www.spaziotu.com/limportanzadiunlogo/ ).

Il marchio di un’azienda è il biglietto da visita con il quale la stessa si presenta al mondo.
Da sempre le società più importanti hanno investito tanto su di esso curandone ogni minimo dettaglio, spesso anche caricandolo e appesantendolo più del dovuto.

Come già detto nel precedente articolo questa tendenza però è stata invertita e negli ultimi anni sono stati numerosi i processi di restyling dei loghi più famosi.
Questo perché nell’ultimo decennio si è sviluppato il culto della grafica “minimal”, basata sul concetto “più è semplice più è riproducibile”.
Le parole chiave di questa nuova corrente sono sicuramente “sintesi” e “popolarità”.

Ma, avendo già analizzato il processo di innovazione e svecchiamento dei loghi, cosa si può dire sulle società nate nel bel mezzo di questa nuova moda illustrativa?

LE SOCIETA’ DEGLI ANNI ’10

Il nuovo millennio ha portato gran parte del mercato di oggettistica (e non solo) su internet.
Sono diverse le società nate da questo fenomeno.

Il format è semplice: si dà la possibilità sia ai negozi sia ai cittadini privati di vendere e acquistare prodotti online su portali creati ad hoc dall’azienda di turno.

Tra le più famose troviamo sicuramente Aliexpress, popolarissima società di vendita online nata nel 2010.
Il logo di “Ali” è esattamente in linea con il concetto di “marchio sintetico”, infatti presenta semplicemente il nome scritto con i colori della bandiera cinese, il rosso e il giallo.

Lo stesso format è stato utilizzato dalla compagnia aerea spagnola “Iberia Express”.

Nata nel 2011, anch’essa ha limitato il suo logo al proprio nome scritto con i colori della bandiera nazionale, aggiungendo come unica componente grafica un piccolo triangolo, simboleggiando così l’ala di un aereo.

Abbiamo esempi anche nella nostra penisola, dove l’unione di Fiat e Chrysler ha dato luce nel 2014 alla FCA, scritta che compare anche come logo ufficiale in colore azzurro.

LA NOSTRA PICCOLA REALTA’

Noi di SpazioTu abbiamo in parte seguito l’idea di marchio sintetico ma non ci siamo limitati soltanto alla scritta.

Il nostro colore ufficiale è il verde ed il nostro logo è formato da un cerchio con un piccolo buco in alto a destra e con un secondo oggetto circolare che “entra” a colmare il foro.

Questo concept, ideato dal team di ZonaMoka, simboleggia la nostra grande famiglia, dove abbiamo una dimensione ed un identità ben definita ma c’è sempre spazio per nuovi membri, anzi, quando questi arrivano ci completano sempre un po’ di più.

Speriamo che questo piccolo lavoro grafico sia un ottimo modo per presentare al mondo romagnolo il primo coworking di Cattolica.

Siamo nel 2009 quando un ragazzino di soli 13 anni si ritrova a dover compiere la prima grossa scelta della sua vita: che scuola superiore scegliere?
Un passo che abbiamo compiuto (quasi) tutti, piccolo ma fondamentale per imparare a fare considerazioni sul proprio futuro.

E’ meglio seguire il proprio istinto e scegliere un percorso basato sulle proprie capacità o andare su un campo meno compatibile con la nostra indole ma più sicuro a livello lavorativo?

Come in tutti i grandi quesiti non esiste una formula magica, non c’è giusto o sbagliato, la soluzione sta spesso nel mezzo.
Questo tipo di scelte identificano molto il soggetto e a volte, come vedremo più avanti, sono comuni per un’intera generazione.

Crescere con l’ombra della grande crisi ha portato i ragazzi degli anni 90 a vivere le prime esperienze lavorative con ansia e poche prospettive.
Quante volte avete sentito frasi quali “non avrò mai un posto fisso”, “l’importante è avere un lavoro di ‘sti tempi” oppure “non arriverò mai alla pensione” ?
Tante, troppe volte.

Penso che “paura” e “rischio” siano parole apparentemente opposte ma complementari.
La prima può essere conseguenza dell’altra.
Difatti dopo un azzardo ci si ritrova spesso con l’ansia di aver fatto il passo più lungo della gamba e questo porta a non superare mai i propri limiti.
Tale visione, purtroppo, è quella di tanti giovani d’oggi.

Perché affermo che la paura ed il rischio sono complementari? Perché l’uno necessità l’altro.
Infatti proviamo ad invertire i fattori: la paura diventa la causa, il rischio la conseguenza.
Immedesimiamoci ad esempio in un imprenditore 40enne che si ritrova in un momento di crisi lavorativa: necessita un cambiamento e lo otterrà soltanto spostando le carte in tavola e osando di più.

Questa considerazione nasce da un dato: gli startupper di successo hanno un età media di 43 anni.
La mia prima reazione, e credo anche la vostra è stata un mix di stupore e incredulità.
Abbiamo poi verificato nel nostro piccolo, facendo una media dell’età dei nostri coworker all’interno di SpazioTu.
Il risultato dell’indagine, come già detto e approfondito in un vecchio articolo (https://www.spaziotu.com/startupper-a-43-anni/) , è il medesimo.

Questo mi ha spinto a ragionare ed analizzare, nel mio piccolo, anche la mia crescita personale e le passate esperienze lavorative.

Il 2009 è passato da un decennio e sono cambiate tante cose.
Ho 23 anni e non sono certamente la persona più navigata di questo mondo ma se penso all’ansia che mi bloccava durante i primi impeghi e che spesso mi spingeva ad accettare un lavoro basandomi solamente sulla certezza di uno stipendio mensile mi viene da sorridere.

Questo perché ho avuto il coraggio di rischiare, cambiare e cercare qualcosa di più inerente alle mie caratteristiche.

Non si denigra nessun lavoro, sia chiaro, ma bisogna avere il coraggio di trovare un punto di incontro tra necessità, interessi e capacità.

Il lavoro è la base della felicità perché occupa almeno il 50% delle nostre giornate.

La speranza è che gli attuali 20enni, ma anche quelli di domani, abbiamo la capacità di arrivare al rischio e al cambiamento senza dover passare dalla paura del futuro.

Forse però l’angoscia è una costante quando si parla di prospettive.
In questo caso posso solo sperare che non diventi un blocco per una carriera lavorativa ma, piuttosto, lo sprint iniziale per una vita piena di soddisfazioni.

Recentemente ci ha incuriosito un dato statistico riguardante l’età media degli startupper.
Infatti, secondo un sondaggio condotto dalla “National Bureau of Economic Research” basato sui dati ufficiali U.S. Census Bureau, l’età media degli imprenditori più innovativi sarebbe pari a 45 anni.

Un dato interessante che va contro l’immaginario comune di una fascia di età ostile nello stare al passo con i tempi.
Entrando nei dettagli di un articolo scritto da Forbes riguardante queste analisi scopriamo che anche in Italia la situazione è in linea con questi risultati.
Infatti nel bel paese l’età media è poco inferiore alla media globale: 43 anni.

Questo sondaggio ci ha spinto ad entrare ancora più nel dettaglio e a guardare nella nostra piccola realtà.

Il coworking è sinonimo di innovazione, un format che va al passo coi tempi, accompagna tante piccole realtà verso la crescita definitiva.
Perciò si può assolutamente definire un’ambiente giovane.

Uno scenario apparentemente perfetto per smentire questi dati statistici.

Una volta analizzati tutti i dati dei nostri clienti guardiamo con stupore il risultato: la media è di 43 anni, esattamente come quella nazionale.

Non ci eravamo mai resi conto di questo fatto, forse perché come detto in precedenza consideriamo il nostro format una novità e di conseguenza abbiamo pensato, sbagliando, che solo i più giovani potessero cogliere questa occasione per far crescere la propria impresa e ambire a raggiungere i propri obbiettivi.

Contenti di aver preso un abbaglio nei confronti di una fascia generazionale spesso sottovalutata dal punto di vista dell’innovazione.

Il motivo è da trovare probabilmente nella voglia di rimettersi in gioco sfruttando un ampio un bagaglio di esperienze lavorative maturate negli anni precedenti.

La speranza è quella di vedere qualche giovane invertire la tendenza e dimostrare la voglia dei ragazzi di oggi di trovare nuovi stimoli, anche nelle piccole realtà come, ad esempio, nella nostra di SpazioTu.

 

FONTE: https://forbes.it/2018/04/16/gli-startupper-di-successo-sono-molto-piu-vecchi-di-quanto-credi/

Stai cercando uffici temporanei o sale in cui sviluppare il tuo business senza stress? Dove puoi trovare anche nuovi clienti?

SpazioTu Coworking mette a disposizione uffici temporanei già arredati, con utenze e tanti servizi. Come ad esempio il parcheggio, incluso nel canone mensile. Per di più disponiamo di una sala riunioni e una sala conferenze.

Scegli tra vari spazi lavorativi quello che fa per te!

Box ufficio privato o postazione in openspace. E quando vuoi schiarirti le idee, accomodati nell'area bar attiva 24h su 24.

Ma ancora più incredibile è l'opportunità di trovare clienti a km 0! 

Infatti SpazioTU è prima di tutto un coworking dove ci sono spazi condivisi al fine di incontrare e conoscere professionisti, start-up, freelance e tante altre figure lavorative.

Ricapitolando abbatti i costi, meno burocrazia e meno pensieri. Ma più relazioni, più clienti e di conseguenza più opportunità!

Lo si può vedere come un nuovo tipo di turismo o come un nuovo tipo di lavoro. L’idea è che ci si sposti in luoghi esotici, per incontrare colleghi e lavorare insieme, finalmente fianco a fianco e non solo attraverso lo schermo di un computer.

Uffici in affitto a Cattolica già arredati con utenze, wi-fi, parcheggio e tanti altri servizi inclusi nel prezzo!

Ulteriori info le trovi qui >> i nostri spazi >> box ufficio

Costi li trovi qui >> il coworking >> prezzi

CLIENTI A KM 0

Vuoi allargare il tuo pacchetto clienti? 🤔

Ci sono tanti modi per poter ampliare la propria rete di consumatori 🚀 🎯

Uno di questi è uscire dall’isolamento forzato causato dal lavorare in ufficio standard o a casa, e lavorare in coworking 😉

Per esempio a SpazioTu -Coworking Cattolica- con una rete di 70 coworkers, ovvero persone che lavorano in coworking, nascono continuamente nuove collaborazioni.

Questi sono quelli che chiamiamo CLIENTI A KM 0

Perché? Perché lavorare a contatto con altri professionisti ti permette di avere scambi di idee e ricevere e dare consigli, che possono diventare veri e propri progetti lavorativi!

Inoltre lavorare in coworking ABBATTE i COSTI così hai MENO PENSIERI e più TEMPO da dedicare al tuo LAVORO!

per maggiori info:

👉chiamaci al 331 8851434
👉scrivici a info@spaziotu.com

Certo, il movimento del coworking può essere un moda, ma questi ricercatori dicono che esso
ha una base psichiginosa sorprendentemente forte!!
Dipendenti come General Electric, Walmart e Toyota, stanno andando a vedere in prima persona come la Menlo Innovations, una società per lo sviluppo del software, stia reinventando il nostro modo di lavorare.

Menlo, secondo il CEO di Richard Sheridan, ha cercato di interrompere un’industria di sviluppo di software in crisi e impostare uno standard di qualità ottimizzando il proprio ambiente di lavoro.
A Menlo, i programmatori lavorano in coppia che ruotano ogni cinque giorni e la struttura sociale della società è progettata per aiutare i collaboratori a collaborare.
Recentemente l’azienda ha ampliato il suo ufficio per consentire agli startup e agli imprenditori di lavorare
dallo spazio accanto ai programmatori di Menlo, generando connessioni e innovazione nel processo

Più che un’altra curiosità alla moda del settore tecnologico, questo approccio sembra avere una forte base
nella psicologia delle prestazioni. Ovviamente, nel suo esperimento, Menlo Innovations non è certo solo.

Ultimamente, anche le aziende tradizionali, tra cui quelle che guidano Menlo, hanno emulato alcuni elementi di
collaborazione per incoraggiare i loro dipendenti ad interagire di più.
Il portavoce Laura Paredes, General Electric prevede di realizzare gran parte della sua nuova sede di Boston,
che aprirà nel 2018, accessibile al pubblico per l’innovazione, l’apprendimento e la collaborazione
E secondo i ricercatori che hanno studiato l’efficacia del coworking, servono tutti a qualcosa. Ecco perché….

    DUE OBIETTIVI UMANI DI BASE CHE COPERANO FONDAMENTI <---

Si scopre che gli spazi di coworking, dove i lavoratori sentono un senso di autonomia individuale che è ancora legata a un senso di collaborazione, tendono a colpire quell’attento equilibrio tra quei bisogni cruciali –
in modi che non solo il freelance solista né l’esperienza di ufficio tradizionale di solito forniscono..

I colleghi hanno anche la libertà di definire letteralmente il proprio ambiente – che alcune ricerche suggeriscono può migliorare notevolmente le prestazioni e la produttività dei lavoratori.

Indipendenza, adattabilità, flessibilità: queste caratteristiche sono le necessità umane fondamentali.

Quindi non è sorprendente che siano stati collegati a risultati positivi anche sul posto di lavoro,
dal miglioramento delle prestazioni a livelli più elevati di impegno e impegno dei dipendenti.

Essi contribuiscono anche a spiegare perché più aziende abbracciano orari flessibili di lavoro – molti degli stessi, infatti, che stanno esplorando la collaborazione.
GE, Parades, ora offre flessibili modalità di lavoro per tutti i suoi dipendenti Usa, a patto che abbiano ottenuto l’approvazione dei loro manager.

    COMUNITÀ CHE MINIMIZZANO LA CONCORRENZA INTERNA<---

Ma questa non è tutta la storia, i ricercatori del Michigan hanno scoperto che:
L’autonomia e la flessibilità possono essere cruciali, ma il vostro ambiente di lavoro non è l’unico fattore positivo.
L’altro vantaggio fondamentale che gli spazi di collaborazione tendono ad offrire è un senso di comunità,
non solo di qualsiasi comunità, ma in cui la gente, come dice il dottor Spreitzer, è “libero di essere se stesso” perché non sente di essere in competizione Con quelli intorno a loro. Di conseguenza, le idee sono più comunemente condivise.

Spreitzer, Garrett e il loro terzo collega, il dottor Peter Bacevice, hanno scoperto che questo tipo di spirito comunale fornisce l’alimentazione necessaria all’autonomia.
Mentre troppa libertà può effettivamente danneggiare la produttività, innestare una struttura comunitaria su una già flessibile fornisce ciò che si definisce “il grado ottimale di controllo”

Tipicamente, le persone si uniscono in spazi di coworking perché vogliono essere parte di una comunità mentre ancora fanno la propria cosa.

Ecco un membro del coworking che il candidato di dottorato Lyndon Garrett ha intervistato come parte della ricerca:

Le aziende tradizionali stanno cercando di creare lo stesso senso di serendipity. AT & T ha creato spazi di coworking dove gli ingegneri dell’azienda si mescolano con sviluppatori indipendenti e start-up per accelerare il ciclo di innovazione di AT & T.

Quindi se più datori di lavoro seguiranno nei mesi e nei prossimi anni, non stanno solo saltando su un carro di
tendenza alla moda. Certo, potrebbero anche farlo, ma stanno anche cercando di sfruttare la scienza che aiuta a
spiegare ciò che fa funzionare la gente da solo e insieme.

Un’articolo di WENDY MARX Presidente di Marx Communications, una pluripremiata agenzia boutique B2B Public Relations, nota per aver trasformato aziende e dirigenti, tra cui start-up, in leader di pensiero.